Ufficio Stampa > Comunicati stampa anno 2018 > Pedemontana: sulla Bretella Ovest della Valsugana Soranzo chiede a Zaia la convocazione di un tavolo tecnico

Pedemontana: sulla Bretella Ovest della Valsugana Soranzo chiede a Zaia la convocazione di un tavolo tecnico

26-04-2018

Il presidente della Nuova Provincia di Padova Enoch Soranzo ha chiesto un incontro al presidente della Regione del Veneto Luca Zaia. L’obiettivo è la convocazione di un tavolo tecnico di concertazione con la partecipazione degli Enti interessati, relativamente alla definizione del tracciato della Bretella Ovest della Valsugana, nel tratto da Padova a Bassano del Grappa.

“Da una parte ci sono le esigenze della mobilità, in primis quella commerciale, dall’altra la salvaguardia del territorio e delle risorse agricole. Credo che la Regione del Veneto – ha detto Enoch Soranzo – debba impegnarsi  per convocare questo tavolo in quanto è l’Ente sovra provinciale  che interessa le due Province di Padova e di Vicenza e i Comuni contermini. La richiesta è scaturita dalla mozione votata e approvata all’unanimità in occasione dell’ultimo consiglio provinciale.I tracciati evidenziano l’ipotesi di costruire un tratto di strada che taglia in due le località di Fratta e Casoni di Fontaniva, ipotesi osteggiata da alcune Amministrazioni Comunali. Di conseguenza si impone la necessità di individuare un’alternativa definitiva alla Bretella ovest della S.S. 47 e alle tante proposte valutate finora che non hanno mai trovato la condivisione di tutte le amministrazioni comunali coinvolte.

Il Piano Provinciale della Viabilità infatti analizza cinque possibili soluzioni.  Prima di giungere quindi ad una proposta concreta, è necessario far riferimento alla L.R. 14 del 6 giugno 2017 che si pone l’obiettivo del “contenimento del consumo di suolo, riqualificazione, rigenerazione e miglioramento della qualità insediativa”. Siamo di fronte a un cambio di mentalità – ha proseguito Soranzo - che ci impone prima di tutto di sviluppare, potenziare e rigenerare l’esistente e, solo in alternativa, di occupare nuovo territorio libero, sempre in funzione della tutela del paesaggio. Solo un confronto congiunto e diretto con tutte le Amministrazioni interessate potrà portare alla miglior soluzione condivisa”.

Una proposta alternativa alla direttrice Padova – Bassano del Grappa potrebbe essere il potenziamento della viabilità esistente, con alcuni tratti di nuova realizzazione, privilegiando la destra Brenta, nel territorio che da Limena si sviluppa lungo la strada provinciale 94  fino a Carmignano di Brenta, dove, attraversata la S.R. 53, potrebbe proseguire lungo la viabilità a tratti già esistente in territorio della Provincia di Vicenza.Nel tratto Sud (Padova – Cittadellese), con il potenziamento della S.P. 94 da Limena a Carmignano di Brenta.  La strada già esistente consentirebbe la possibilità di ampliamento senza problematiche particolari e garantirebbe, oltre a un risparmio in termini economici, un impatto minore o nullo sul paesaggio.

Nel tratto Nord (Cittadellese – Bassanese) con il potenziamento di alcune strade comunali in Comune di Carmignano di Brenta (via Cerato) per poi proseguire, su viabilità in parte esistente da potenziare e in parte da realizzare, in Provincia di Vicenza (Comune di Pozzoleone) fino al ponte di Friola in Comune di Tezze sul Brenta e successivamente fino a Cartigliano e innesto Superstrada Pedemontana Veneta.“Si tratta di un progetto – ha concluso Soranzo – che ha l’obiettivo di riordinare e organizzare l’intero sistema viario del territorio. E’ necessario migliorare i livelli complessivi di qualità e di sicurezza in funzione delle esigenze della mobilità e dello sviluppo per garantire un’adeguata risposta alla domanda generata dal territorio pedemontano, che risulta essere il più urbanizzato e industrializzato del Veneto”.

 
Bookmark and Share


 

Sottomenù della sezione


 

 
YouTube Facebook Feed Rss Valid XHTML 1.0 Strict