Ambiente > Agricoltura Agriturismo > Utilizzo getti irrigui in prossimità di impianti di Enel Distribuzione

Utilizzo getti irrigui in prossimità di impianti di Enel Distribuzione

L'utilizzo improprio di getti d'acqua per l'irrigazione di colture sta causando un crescente aumento delle interruzioni e disturbi (buchi di tensione) nell'erogazione dell'energia elettrica.
Infatti i getti in questione colpiscono e/o lambiscono gli impianti elettrici aerei dell'Enel causandone la scarica elettrica verso terra. Tale situazione è potenzialmente pericolosa per chiunque si trovasse in vicinanza della scarica elettrica e può provocare danni sia alle reti di distribuzione di energia elettrica sia agli impianti o alle produzioni dei clienti da esse alimentati.

Si richiamano alcuni precisi disposti di Legge in materia:

  • Art. 139 T.U. - R.D. 11 dicembre 1933 n°1775
  • Art. 2.1.12 bis - Norme CEI 11-4 5^ edzione settembre 1998
  • Artt. 83 e 117 - D. Lgs. n°81 del 09 aprile 2008

che vietano di operare in vicinanza e/o di venire in contatto (con qualsiasi mezzo) con conduttori elettrici in esercizio.

L'Enel Distribuzione sta provvedendo, in considerazione dell'estensione delle loro linee aeree che si sviluppano per migliaia di chilometri in ambito regionale, ad effettuare controlli sul territorio nonchè ad inviare specifiche diffide allorquando si riscontrano dette situazioni.
Al fine di evitare che le situazioni di pericolo sopra denunciate possano arrecare danni a persone, agli impianti ed alle produzioni industriali gli agricoltori dovranno utilizzare i getti irrigui rispettando la normativa.

Per quanto rigurada eventuali richieste di informazioni è possibile contattare le strutture di Enel Distribuzione competenti per provincia, ai seguenti recapiti:

Zona Belluno/Padova/Rovigo/Treviso/Venezia/Verona/Vicenza
Casella Postale 144 - 30171 Mestre Centro-Venezia - fax 0415060662

Il numero di riferimento telefonico per la segnalazione dei guasti è 803.500

 
Bookmark and Share


 


 

 
YouTube Facebook Feed Rss Valid XHTML 1.0 Strict