Ufficio Stampa > Comunicati stampa anno 2017 > Pietro D’Abano: consegna delle due nuove aule

Pietro D’Abano: consegna delle due nuove aule

15-09-2017

Sono state consegnate le due nuove aule che la Provincia di Padova ha realizzato nella succursale dell’istituto alberghiero Pietro D’Abano in via Monterosso ad Abano Terme. All’inaugurazione erano presenti il presidente della Nuova Provincia di Padova Enoch Soranzo,  il consigliere provinciale delegato all’Edilizia scolastica Luciano Salvò, il sindaco del Comune di Abano Terme Federico Barbierato, la presidente del Consiglio comunale aponense Stefania Chiarelli e il dirigente scolastico dell’Istituto alberghiero Pietro D’Abano Carlo Marzolo.
“Siamo particolarmente orgogliosi di essere qui e di consegnare ufficialmente questi nuovi spazi agli studenti, agli insegnanti e alla direzione scolastica – ha detto il presidente Soranzo – abbiamo pienamente rispettato i tempi che ci eravamo dati eseguendo i lavori in estate e quindi senza creare alcun disagio durante lo svolgimento delle attività scolastiche. L’ampliamento è una prima risposta che ci consente di tamponare una situazione di carenza degli spazi che ha riguardato questa scuola per parecchi anni. Adesso contiamo di dar seguito alla volontà di realizzare il nuovo fabbricato con i laboratori di cucina, il ristorante, gli spazi di vendita e altre aule. L’impegno economico di 1,3 milioni di euro non è poco, ma per noi strade e scuole vengono al primo posto perché è in gioco la sicurezza e il futuro dei nostri figli. Quindi come sempre, daremo il massimo per portare a termine anche questo intervento. Affido ai ragazzi queste aule sicuro che sapranno preservarle con cura perché oggi come oggi è davvero una sfida riuscire ad avviare i cantieri e restituire opere pubbliche ai cittadini”.
L’intervento è consistito nella parziale chiusura del porticato che dava accesso all’edificio. Sono state così ricavate due aule divise da una parete scorrevole in modo da consentirne l’utilizzo come aula polivalente. È stata eseguita e coibentata la muratura esterna, sono stati posati nuovi serramenti interni ed esterni, sono state fatte la controsoffittatura delle aule, la coibentazione e l’impermeabilizzazione della copertura del porticato, l’impiantistica elettrica e le opere di finitura. Il costo totale dell’intervento è di 180.000 euro finanziati dalla Provincia.
“La Provincia – ha aggiunto il consigliere Salvò –   sta facendo la sua parte compatibilmente con le risorse che ha a disposizione e con tutte le difficoltà che sta affrontando. Parliamo di un istituto fondamentale per il comparto termale che sta formando ragazzi pronti a prendere strade anche internazionali, quindi è una scuola che deve poter contare su laboratori e spazi sicuri e moderni. Recentemente come Provincia abbiamo rivolto un appello a tutti gli enti e le istituzioni che dispongono di risorse finanziarie affinché ci aiutino a dare tranquillità e sicurezza ai ragazzi e alle loro famiglie. Il futuro sociale, culturale, economico e produttivo di Padova e provincia dipendono anche e soprattutto dal contributo che i maggiori protagonisti del territorio decideranno di mettere a disposizione al di là delle competenze specifiche che ciascuna istituzione ha. Ci auguriamo quindi che, anche in questo caso, chi può si unisca a noi”.
Per quanto riguarda l’ampliamento della scuola, l’impegno della Provincia è di chiudere quanto prima la fase della progettazione definitiva ed esecutiva per poi avviare il bando di gara con l’inizio del 2018.     
“Questa scuola è un’eccellenza per una realtà turistica come quella termale che mira a toccare quota due milioni di presenze all’anno – ha spiegato il sindaco Barbierato – siamo davvero soddisfatti che la Provincia sia riuscita a fare questo primo intervento perché non è scontato che vi siano amministratori che mantengono la parola. Dal Pietro d’Abano escono figure professionali che poi trovano impiego sia nelle nostre imprese termali che a livello internazionale e dunque questa scuola per noi deve continuare a essere un punto di riferimento per tutto il territorio”.
Anche la presidente del Consiglio comunale di Abano Chiarelli ha sottolineato l’importanza di questo lavoro. “Mi metto dalla parte delle famiglie e delle mamme che mandano i figli in questo istituto perché è importante che le scuole siano sicure e al passo con i tempi. Un ringraziamento quindi alla Provincia per l’attenzione e l’impegno”.
Le due nuove aule verranno ora allestite dalla scuola stessa con fondi propri dell’istituto e con un contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. “Faremo dei laboratori multimediali e linguistici all’avanguardia – ha concluso il dirigente scolastico Marzolo - con strumentazioni avanzatissime, arredi moderni e modulabili. L’obiettivo che, come scuola, ci proponiamo è quello di formare figure professionali specializzate capaci di entrare nel mondo del lavoro con una formazione di eccellenza”.

 
Bookmark and Share


 

Sottomenù della sezione


 

 
YouTube Facebook Feed Rss Valid XHTML 1.0 Strict