Guida ai Servizi - modulistica > Viabilità > Linee guida per realizzazione e modifica reti di sottoservizi

Linee guida per realizzazione e modifica reti di sottoservizi

21-12-2012
Atto di indirizzo della Giunta Provinciale
Con deliberazione n. 674 di registro del 13/12/2004, la Giunta Provinciale ha approvato l’atto di indirizzo contenente le linee guida per la realizzazione e la modifica delle reti di sottoservizi interessanti la rete di viabilità provinciale, nonchè per gli interventi comportanti limitazione o sospensione del traffico.
ATTO DI INDIRIZZO CONTENENTE LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE E LA MODIFICA DELLE RETI DI SOTTOSERVIZI INTERESSANTI LA RETE DI VIABILITA’ PROVINCIALE NONCHE’ PER GLI INTERVENTI COMPORTANTI LIMITAZIONE O SOSPENSIONE DEL TRAFFICO

I.      Fin dalla fase della progettazione di interventi interessanti la viabilità Provinciale, deve essere evitata la previsione di chiusura della stessa utilizzando principalmente sedimi di marciapiedi, piste ciclabili, banchine o procedendo all’esproprio o alla costituzione di servitù sulla fascia necessaria;
II.      Fermo restando che tutti i lavori interessanti le sedi viarie di competenza provinciale per poter essere attuati o per ottenere il relativo nulla-osta devono essere coperti da polizza fidejussoria a garanzia degli adempimenti previsti negli atti autorizzativi, gli interventi sulla rete stradale provinciale in ogni caso dovranno attuarsi provocando il minor disagio possibile all’utenza prevedendo fin dalla progettazione l’utilizzo di trivellazioni, di perforazioni teleguidate non invasive o tecnologie similari che permettano di mantenere il più possibile integra la pavimentazione stradale nonché turni lavorativi più estesi ed ogni altro accorgimento per limitare al massimo i tempi di occupazione del sedime stradale;
III.      Qualora per comprovati casi di impossibilità tecnica, si dovesse prevedere di interessare la sede stradale con scavi a cielo aperto, si dovrà procedere con interventi protetti con cassoni o accorgimenti similari in modo da consentire di norma il traffico almeno a senso unico alternato;
IV.      Una volta verificate tutte le soluzioni tecniche alternative, e previo accordo con il competente Ufficio tecnico di questa Provincia, qualora fosse assolutamente indispensabile interessare la circolazione stradale lungo le Strade Provinciali con apposite ordinanze di regolamentazione del traffico, il progetto dovrà prevedere i tempi di limitazione e/o sospensione di detta circolazione risultanti indispensabili in base al Piano della Sicurezza ed al cronoprogramma di progetto;   detti elaborati dovranno sempre essere allegati alla richiesta dell’ordinanza di cui sopra, (da presentare con almeno 30 giorni di anticipo) unitamente, per i casi di chiusura totale, alla planimetria indicante le deviazioni ed i relativi nulla osta degli enti proprietari delle strade non provinciali interessate, ai sensi dell’art. n. 43 del D.P.R. 494/92.
V.      Qualora i tempi di cui al precedente punto IV non fossero rispettati per motivi che esulano dalla pubblica calamità o gravi comprovati impedimenti sopravvenuti, al richiedente verrà applicata una penale pari a € 600,00 per interruzioni totali della circolazione e ad € 300,00 giornalieri per limitazioni alla circolazione, che verrà introitata dalla Provincia mediante versamento anticipato da parte dei richiedenti, propedeutico all’emissione della proroga dell’ordinanza stessa. Detto versamento sarà effettuato a mezzo di bonifico bancario sul conto del “Tesoriere Provincia di Padova n. 300040 – ABI 6225 – CAB 12186 – IBAN: IT-82N-06225-12186-06707579K con la causale “Danni arrecati alle Strade Provinciali”.
 
Bookmark and Share


 

Sottomenù della sezione


 

 
YouTube Facebook Feed Rss Valid XHTML 1.0 Strict