Ufficio Stampa > Comunicati stampa anno 2017 > L’industria 4.0 incontra il territorio

L’industria 4.0 incontra il territorio

21-12-2017

Si è tenuto alla Camera di Commercio il dibattito “L’industria 4.0 incontra il territorio: quali soluzioni per una crescita sostenibile”. Al tradizionale momento di confronto pre natalizio era presente per la Provincia di Padova il consigliere delegato Vincenzo Gottardo. L’incontro, organizzato dalla Camera di Commercio in collaborazione con l’Ucid di Padova e in presenza del Vescovo don Claudio Cipolla, della Diocesi e del sistema economico e sociale padovano, è servito a capire quali scenari si apriranno per le imprese e la società civile con la rivoluzione di Industria 4.0. In particolare, la discussione ha cercato di riflettere su come poter guardare al futuro con fiducia anche se la corsa verso la digitalizzazione del lavoro potrebbe creare un reale rischio di esclusione dal mercato del lavoro. “È doveroso parlarne – ha detto il consigliere provinciale Gottardo - perché l’industria 4.0 non è qualcosa di astratto che capiterà, forse, in un lontano futuro. L’innovazione è già entrata nelle nostre imprese e nelle nostre professioni, nelle nostre vite di lavoratori e nelle nostre vite di cittadini. L’innovazione e la trasformazione digitale sono dei passi obbligati per qualunque azienda voglia stare sul mercato e crescere. Questo comporta una rivoluzione sia nella mentalità dell’imprenditore, sia nelle competenze dei dipendenti perché le postazioni di lavoro come minimo avranno dei tablet per gestire i flussi, i dati saranno raccolti in tempo reale, le macchine dialogheranno, la logistica sarà integrata e i servizi saranno in cloud. Sono solo alcuni esempi, ma le stime parlano di costi aziendali ridotti del 78 % e aumenti di produttività pari al 74%. Ciò significa che la strada è tracciata e probabilmente ci sarà un’accelerazione visti i bonus fiscali previsti dal Piano Industria 4.0.
La digitalizzazione è una opportunità enorme, deve essere colta al volo, ma dietro ai numeri dobbiamo sempre ricordare che esistono le persone. In più, l’Italia è caratterizzata da un’età anagrafica avanzata e da giovani che non riescono ad inserirsi nel mondo del lavoro. Il rischio che la corsa alla digitalizzazione si traduca in un’ulteriore riduzione di posti di lavoro non va sottovalutato. La ricaduta sarebbe gravissima e come amministratori dobbiamo lavorare affinché questa rivoluzione non lasci indietro nessuno, ma anzi diventi occasione per tutti. La strada maestra sarà investire in formazione e istruzione per aiutare le imprese e le persone a orientarsi nel mondo che cambia.
Grazie quindi alla Camera di Commercio per aver organizzato questo dibattito in presenza del Vescovo e in occasione delle festività natalizie: la sfida e l’augurio per il Nuovo Anno è di ricordarci sempre che la crescita va resa sostenibile, non solo da un punto di vista imprenditoriale, ma anche sociale e umano. Le persone devono venire sempre prima del profitto perché qualunque corsa che non crei ricchezza reale e diffusa e che dimentichi i valori, è persa in partenza”, ha concluso.

 
Bookmark and Share


 

Sottomenù della sezione


 

 
YouTube Facebook Feed Rss Valid XHTML 1.0 Strict