Ufficio Stampa > Comunicati stampa anno 2017 > Inaugurato il ponte ciclopedonale sulla Treviso Ostiglia

Inaugurato il ponte ciclopedonale sulla Treviso Ostiglia

06-10-2017

Realizzato in tempi record e inaugurato il ponte ciclopedonale sulla Treviso Ostiglia a Piazzola sula Brenta.
Al taglio del nastro erano presenti il governatore veneto Luca Zaia, il presidente della Provincia di Padova Enoch Soranzo e i sindaci dei comuni contermini. L’appuntamento era davanti villa Contarini e poi, in bicicletta, tutte le autorità hanno raggiunto la pista ciclabile per l’inaugurazione ufficiale.
“Negli ultimi dieci anni – ha detto Enoch Soranzo - la Nuova Provincia di Padova ha deciso di mettere in rete sul territorio un sistema di piste infrastrutturali di collegamento con le province di Treviso, Verona, Vicenza e Venezia. Un sistema che da allora ha realizzato un totale di 435 chilometri, spendendo finora circa 17milioni di euro. Di queste piste, quella nella quale la Provincia ha creduto fortemente, diventando proprietaria anche del terreno è proprio la Treviso-Ostiglia con un’estensione di 32 chilometri nel padovano, spendendo 4milioni e 600mila euro di cui il 50%  con il contributo della Regione Veneto e della Fondazione Cariparo. La passerella ciclopedonale che inauguriamo oggi è l’infrastruttura più attesa della ciclovia Treviso Ostiglia ed essere riusciti a realizzarla è davvero un passaggio fondamentale per rendere questo percorso ancora più bello ed emozionante e creare un importante indotto a livello turistico. Con i suoi 110 chilometri totali, la Treviso Ostiglia è una tra le più lunghe e suggestive piste ciclabili in Europa. I numeri di turisti e cittadini che la percorrono ogni giorno ci hanno dato ragione e credo che con questo ponte siamo riusciti davvero a creare un gioiello di cui beneficerà tutto il turismo e l’economia padovana”.
Il manufatto sorvola la pila superstite di un ponte ferroviario distrutto nel 1944 e la sua valenza storica si inserisce in uno degli scenari più emozionanti del sistema ciclopedonale europeo.
Il ponte è un’opera di grande impatto scenico e garantisce la possibilità ai ciclisti di percorrere la pista in sicurezza e di collegare direttamente i due tronconi della ciclabile, quella dal lato Piazzola / Campo San Martino a quello del lato Curtarolo.  
La realizzazione è stata possibile grazie alla volontà delle amministrazioni di Piazzola sul Brenta, Campo San Martino, Campodoro e Curtarolo che, unite nell’Ipa del MedioBrenta, sono riuscite ad approvare il progetto preliminare e a inserirsi nel bando regionale ottenendo un finanziamento di 1 milione di euro.
Resterà da completare ancora qualche opera di mobilità sostenibile e la Provincia di Padova si farà promotrice, attraverso i Comuni, di ottenere ulteriori risorse finanziarie anche attraverso un contributo regionale.
“Il ponte – ha detto il sindaco di Piazzola Enrico Zin -  è un punto di incontro per i territori, che tanto lo hanno richiesto. Un’opera pensata e conquistata con comitati cittadini mobilitati per evitare che l’ex ferrovia diventasse una camionabile. Nessuno ci credeva che si arrivasse a realizzarla. Tanto meno così in fretta”.

 
Bookmark and Share


 

Sottomenù della sezione


 

 
YouTube Facebook Feed Rss Valid XHTML 1.0 Strict