Ufficio Stampa > Comunicati stampa anno 2018 > EtnoFilmFest 2018 a Monselice

EtnoFilmFest 2018 a Monselice

29-05-2018

Titola “Cuerpos” l'edizione 2018 dell'ETNOFILMfest che si terrà a Monselice (Padova) dal 31 maggio al 3 giugno 2018.

Etnofilmfest, il rinomato festival dedicato alla produzione documentaristica italiana, giunto alla sua 11esima edizione, sempre capitanato dal regista e antropologo Fabio Gemo, quest'anno, indagando il tema del “corpo”, porterà a Monselice una rosa di straordinari documentari in concorso, giudicati da una giuria d'eccezione. E un parterre di grandissimi ospiti.

“Da sempre la mia indagine di documentarista e antropologo mi ha portato ad indagare il tema del corpo – spiega Fabio Gemo – e quest'anno porto a Monselice forse la miglior edizione dell'Etnofilmfest di sempre, con ospiti importanti e una proposta culturale, cinematografica artistica e di spettacoli davvero straordinaria”.

“Una rassegna – dice Vincenzo Gottardo, consigliere delegato della Nuova Provincia di Padova – che è diventata un punto di riferimento per chi ama il cinema. Il tema di quest’anno fa riflettere sul significato del corpo collegato alla società storica di riferimento e alle sue rappresentazioni sociali e culturali e in questa prospettiva ai comportamenti. Il corpo infatti può considerarsi una sorta di “filtro culturale” con cui ogni epoca e società stabiliscono un proprio rapporto che si manifesta attraverso gli usi e i costumi. Sarà una rassegna particolarmente interessante  e prestigiosa soprattutto per le occasioni di approfondimento che consentirà ai cittadini. Etnofilmfest, giunta all’undicesima edizione, è cresciuta moltissimo e porta l’immagine di Monselice nel mondo. Si tratta di un festival praticamente unico a livello nazionale che nel corso degli anni si è radicato intensamente nel territorio”.

“Etnofilmfest è una realtà importante e radicata non solo nel nostro territorio – spiega l'assessore alla cultura del Comune di Monselice Gianni Mamprin – ma è punto centrale di una riflessione internazionale che spazia dal cinema documentario fino ai grandi temi della cultura e dell'attualità”.

Il 31 maggio saranno protagoniste assolute la giornalista scrittrice, firma storica de “La Repubblica”, Concita De Gregorio che presenterà il suo ultimo libro Chi sono io? autoritratti, identità, reputazione ( Edizioni Contrasto, 2017) e Cecilia Mangini,  una delle più importanti esponenti italiane del cinema documentario. Insieme introdurranno documentario fuori concorso Lievito Madre. Le ragazze del secolo scorso, realizzato da Concita De Gregorio e Esmeralda Calabria.

Venerdì 1 giugno sarà la volta di Marino Niola, editorialista de “La Repubblica”. L'antropologo della contemporaneità affronterà il tema: “Tra vita e girovita. La dieta come fabbrica del corpo”. Sempre l'1 giugno tappeti rossi e riflettori accesi per l'immenso Fernando Arrabal, drammaturgo, poeta e regista cinematografico spagnolo in: “Cuerpo y Alma en Oración”. Mentre il 2 giugno il celeberrimo filosofo Umberto Galimberti, anche editorialista di “La Repubblica”, parlerà al pubblico de “Il corpo in occidente”.

Da non perdere l'evento del 3 giugno dedicato alle “macchine a spalla” già patrimonio UNESCO. Si tratta delle impressionanti strutture processionali come quelle di Nola, Palmi, Sassari e Viterbo, la cui "rete", protagonista di questo evento, è stata dichiarata dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità. Interverranno, tra gli altri, Leandro Ventura, Direttore dell'Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia; Patrizia Nardi, Focal Point Unesco per la Rete delle grandi Macchine a spalla italiane. Con la partecipazione dei Sindaci di Nola, Palmi, Sassari e Viterbo e di esponenti delle quattro comunità festive della Rete. Interverrà anche il Senatore Paolo Russo che ha sostenuto l’emendamento della Legge 77/2006 in favore della salvaguardia del patrimonio culturale immateriale. Verrà proiettato il documentario fuori concorso “Un patrimonio sulle spalle” di Francesco De Melis.

Tra le tante chicche di questa straordinaria edizione Etnofilmfest 2018 dedicata al corpo: documentari fuori concorso, incontri con registi e autori, spettacoli musicali ( citiamo Sainkho Namtchylak ) spettacoli teatrali ispirati al lavoro di Arrabal ( con Fabio Gemo e Viviana Piccolo), mostre d'arte ( Giorgio Finamore ) e la performance dei Bloody Cirkus. 
E ancora: grandissimi nomi del documentario italiano del calibro di Antonio Marazzi, Mario Brenta, Karine De Villers, Mirco Melanco e la proiezione di un omaggio a Lino dal Fra.

A giudicare i 10 documentari in concorso che saranno premiati il 3 giugno a conclusione della kermesse i giurati Paolo Chiozzi ( Professore di  Etnologia e Antropologia Culturale nell’Università di Firenze); Francesco Liotard ( docente all'Etnofilm Scuola di Cinema Documentario Etnografico ) e Renato Morelli ( Regista RAI, etnomusicologo e regista). 

Informazioni e programma completo sul sito www.etnodramma.it

L'Etnofilmfest è diretto da Fabio Gemo e organizzato dal Centro Studi sull'Etnodramma, con il contributo del Comune di Monselice – Assessorato alla Cultura. Con il Patrocinio de La Nuova Provincia di Padova.

 
Bookmark and Share


 

Sottomenù della sezione


 

 
YouTube Facebook Feed Rss Valid XHTML 1.0 Strict