Ufficio Stampa > Comunicati stampa anno 2016 > Al via il restauro del capitello dell’Immacolata

Al via il restauro del capitello dell’Immacolata

24-08-2016

É stato approvato dal Presidente della Provincia, Enoch Soranzo, il progetto esecutivo per lo spostamento e il restauro conservativo del capitello dell’Immacolata a S. Andrea di Campodarsego.
“Ero stato coinvolto dal Comune di Campodarsego – dice il Presidente Soranzo - nella questione relativa allo spostamento del capitello votivo, che si trova all’intersezione di due strade nel centro abitato di S. Andrea, e che versa in uno stato di degrado e abbandono. Per riqualificare lo spazio urbano circostante e  migliorare la sicurezza della circolazione stradale in corrispondenza dell’incrocio interessato mi sono quindi impegnato a sottoscrivere un Protocollo d’intesa tra Comune e Provincia per procedere ad un’azione sinergica di progettazione e realizzazione dei lavori. Con quest’atto il Comune di Campodarsego si è dichiarato disponibile a provvedere alla progettazione dell’intervento, comprensiva del Piano di sicurezza, all’acquisizione dei pareri e alla messa a disposizione delle aree per il ricollocamento del capitello, alla direzione lavori e al collaudo dell’opera, mentre la Provincia finanzierà le diverse realizzazioni provvedendo all’appalto e all’esecuzione dell’opera stessa, per un importo complessivo di 86.600 euro.”
Il progetto prevede la realizzazione di nuove strutture di fondazione dell’area di destinazione, lo spostamento monolitico del manufatto e la sua messa in sicurezza, le opere di ripristino del manto stradale e il miglioramento dell’incrocio dell’area di origine, le diverse operazioni di restauro conservativo e d’inserimento paesaggistico.
“Abbiamo già ottenuto il parere favorevole al progetto dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici – aggiunge Soranzo - e dalle Conferenze dei servizi indette dal Comune di Campodarsego, quindi adesso possiamo finalmente iniziare a realizzare un intervento che i cittadini attendono da tempo, e che certamente riqualificherà il territorio e il patrimonio locale, risolvendo non soltanto il problema della sicurezza viaria, ma salvaguardando anche la memoria collettiva, fondamento della nostra storia e delle nostre comunità.”

 
Bookmark and Share


 

Sottomenù della sezione


 

 
YouTube Facebook Feed Rss Valid XHTML 1.0 Strict